Corrado Premuda

...

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
News

Maggio 2015 "Un pittore di nome Leonor" di Corrado Premuda su Art e Dossier

Gloria Fossi recensisce il mio libro "Un pittore di nome Leonor" (Editoriale Scienza) sul numero di maggio del mensile Art e Dossier:

UN PITTORE DI NOME LEONOR

Da Trieste a Parigi: la scatenata gioventù di Leonor Fini

 

Si moltiplicano gli studi sulle donne che hanno manifestato il loro talento artistico oltre le convenzioni, talvolta subendo pregiudizi di un mondo maschile che spesso ha negato loro autonomia intellettuale, talaltra ricevendo ammirazione incondizionata (in questa rubrica si è già parlato di Rosalba Carriera, Camille Claudel, Frida Kahlo, Dora Maar, Meret Oppenheim, Carol Rama). Esce ora un libro per ragazzi, di piacevole lettura anche per gli adulti, sulla raffinata artista e intellettuale Leonor Fini, nata in Argentina nel 1907 da padre d'origine italiana e madre triestina, morta a Parigi nel 1996. Premuda da tempo studia la sua personalità (ne ha tradotto un racconto e ha collaborato al film Ma dov'è Leonor?, visibile su www.arte.rai.it/articoli/ma-dovè-leonor/24786/default.aspx). Qui restituisce rilievo psicologico all'artista, con delicatezza e fedeltà storica. E si concentra sull'infanzia e l'adolescenza. La madre Malvina fugge dal marito quando la bimba ha pochi mesi e per evitare che lui rapisca la piccola la traveste spesso da maschietto. Nel paradiso dorato della Trieste cosmopolita, elegante e colta di Svevo e Joyce, la vivace bambina cresce viziata e coccolata. Leonor mostra un'intelligenza acuta e una sensibilità che oscilla fra intensa femminilità e altre doti ritenute di solito prerogative maschili. I conflitti con la governante asburgica, le avventure nelle quali trascina il cuginetto e le amiche, i travestimenti, l'amore per i gatti e per un coniglio che finirà tristemente arrosto sono eventi (poi rievocati, in modo più o meno occulto, nei suoi dipinti) che vanno oltre il mero aneddoto e aiutano a comprendere la genesi di una personalità volitiva e passionale. Da Trieste, con l'ansia di dipingere e la consapevolezza del proprio talento, la bella e giovane Leonor si sposterà a Milano e poi a Parigi. Con il viaggio verso la Francia il racconto si ferma e lascia presagire, nell'incontro in treno con de Pisis, i rapporti con intellettuali e artisti, da Ernst a Picasso, dalla Oppenheim a Christian Dior. Ma anche la perenne autonomia da ogni gruppo e idea precostituita.

 
 

16/05/15 Corrado Premuda partecipa alla performance "Fuga al tramonto"

Sabato 16 maggio alle ore 19.30 in piazza della Borsa a Trieste si tiene la performance di lettura corale "Fuga al tramonto" organizzata da Liberarti. Partecipo all'evento col mio testo "Un'epopea in un fazzoletto". Gli altri testi sono di Lucia Pinat, Lisa Deiuri, Guia Risari, Maria Sanchez Puyade, Vittorio Simonovich e Laure Keyrouz.

http://www.emporioliberarti.it/sito/index.php/it/

 

15-16/05/15 Corrado Premuda e "Un pittore di nome Leonor" al Salone del Libro di Torino

Venerdì 15 maggio a Torino partecipo alle iniziative del Salone del Libro: la mattina, per il SaloneOff, parlo del mio libro "Un pittore di nome Leonor" insieme all'autore delle illustrazioni Andrea Guerzoni in una scuola, poi alle 17.30 sono alla libreria Il Mondo delle Meraviglie insieme a Elena Pugliese. Sabato 16, nel BookStock Village all'interno del Salone, presento il libro insieme a Guerzoni alle 10.30.

http://www.salonelibro.it/it/programma/sabato-16/details/9086-Un-pittore-di-nome-Leonor.html

 

08/05/15 Corrado Premuda presenta "Un pittore di nome Leonor" e "Murmur" alla libreria Cuccumeo di Firenze

Venerdì 8 maggio alla libreria Cuccumeo di Firenze, in via Mayer 11, presento a partire dalle ore 17.30 il mio libro "Un pittore di nome Leonor" (Editoriale Scienza) e "Murmur. Fiaba per bambini pelosi" (Edizioni Arcoiris) romanzo di Leonor Fini che ho tradotto dal francese. Insieme a me ci saranno Francesca Matteoni e Giuseppe Girimonti Greco.

http://www.editorialescienza.it/it/evento/alla-scoperta-di-leonor-fini-55477a4e406fb.htm

 

11/04/15 Corrado Premuda presenta "Un pittore di nome Leonor" alla libreria Lovat di Trieste

Sabato 11 aprile, alle ore 11.30, per il ciclo di incontri Cartastraccia, presento il mio libro "Un pittore di nome Leonor" (Editoriale Scienza, 2015) alla libreria Lovat di Trieste.

http://www.librerielovat.com/eventi_dettaglio.php?id=2232

 

06/04/15 intervista a Corrado Premuda su ItalianSelfie

Irene Serini e Nicola Alberto Orofino mi intervistano per il loro progetto ItalianSelfie:

http://italianselfieblog.com/2015/04/06/leonor-a-trieste-corrado-premuda/

 

06/04/15 "Un pittore di nome Leonor" di Corrado Premuda sul Tempo

Roberta Maresci recensisce il mio libro "Un pittore di nome Leonor" (Editoriale Scienza, 2015) sul quotidiano Il Tempo.

http://www.iltempo.it/cultura-spettacoli/libri/2015/04/06/un-pittore-di-nome-leonor-1.1400680

 

31/03/15 intervista a Corrado Premuda su Radioincorso

Roberta Strazzella mi intervista su Radioincorso riguardo ai miei libri su Leonor Fini.

http://radioincorso.it/corrado-premuda-racconta-leonor-fini/

 

"Murmur" di Leonor Fini a cura di Corrado Premuda su Artribune

Marco Enrico Giacomelli recensisce "Murmur. Fiaba per bambini pelosi" (Edizioni Arcoiris, 2014) di Leonor Fini, che ho tradotto e curato, sul numero di marzo-aprile 2015 della rivista Artribune:

Incesto? Amore. Non è semplice la vita di Murmur, figlio d'un uomo e di una gatta. Cammina su due gambe ma trova naturale far l'amore con la genitrice. Una fiaba tradotta da Corrado Premuda, che tanto sta facendo per ridar lustro all'artista Leonor Fini.

 

26/03/15 "Un pittore di nome Leonor" di Corrado Premuda su Internazionale

Igiaba Scego recensisce il mio libro "Un pittore di nome Leonor" (Editoriale Scienza, 2015) sul settimanale Internazionale:

UN'ARTISTA A TRIESTE

Corrado Premuda “Un pittore di nome Leonor” Editoriale Scienza illustrazioni di Andrea Guerzoni

 

Gatti, cani, cavallette. Niente sfugge all'occhio attento di Leonor Fini. Alla bambina piace osservare la realtà. È così buffa la vita intorno a lei, soprattutto sono buffi quei voluminosi cappelli a moda che portano le donne. Un giorno aggiunge a questo suo guardare senza fine anche il disegno. Ed ecco che ogni cosa viene registrata dalla sua mano sempre più esperta. Il disegno diventa il suo gioco preferito e presto la sua più grande passione. Leonor Fini diventerà infatti da grande una nota pittrice. Da piccola però è solo una bambina contesa. I genitori non vanno d'accordo. Ognuno la vuole per sé. Il padre cerca di rapirla, la madre la traveste da maschietto per nasconderla meglio. Per fortuna c'è il disegno che la salva dalla follia dei grandi. Attraverso una prosa attenta e rigorosa la seguiamo nella crescita, da Buenos Aires a Trieste. Leonor diventa una ragazza in gamba. Per disegnare meglio fa come Leonardo e Michelangelo, si intrufola nelle camere mortuarie, impara a essere rigorosa, a non sprecare il disegno, a non disperdere il colore. La vicenda, oltre a essere il resoconto puntuale di una vita magnifica, ci introduce all'atmosfera magica della Trieste multietnica degli anni Venti del Novecento. Una città dove tutto poteva accadere.

 


Pagina 14 di 27